startup Risultati di ricerca per

La Passione aumenta la marcia

Lanciata a dicembre scorso, il round di finanziamento della startup che produce e distribuisce abbigliamento di alta qualità per gli appassionati di ciclismo si è conclusa con un +120%. La Passione è un perfetto esempio d’incontro tra made in Italy e nuove strategie di vendita. (altro…)

Startup e investor: attitudine internazionale

Una delle domande che torna spesso parlando di startup italiane è: Saranno in grado di competere a livello internazionale? La risposta sembra essere sì, almeno dai segnali che negli ultimi mesi sono arrivati da San Francisco a Londra, da New York a Berlino. (altro…)

Sharing economy e startup: si può fare!

Dopo il rilascio del nuovo regolamento per l’equity crowdfunding, che ha visto impegnate le piattaforme e la Consob per diversi mesi, ora il legislatore si sta avvicinando ad un altro tema importante per la crescita delle startup: la sharing economy. (altro…)

Facebook sceglie tre nostre startup

Tra oltre 100 candidature, Facebook ha scelto due startup del portfolio di Club Acceleratori e una di CII2 per il programma FbStart: rispettivamente Nextwin, Verticomics e Tutored. Grazie a questi risultati i nostri investitori sono sempre più vicini ai grandi circuiti internazionali dell’innovazione. (altro…)

Startup e club d’investimento: cosa accade al round

Cosa accade quando una delle startup del portfolio di un club d’investimento chiude un nuovo round di finanziamento?

Un round che si chiude positivamente segna l’ingresso di nuovi soci e dei loro capitali, in proporzione al numero di quote acquistate.

Anzitutto bisogna chiarire che l’ingresso di un nuovo investitore nella compagine sociale è un bene per l’azienda, che in sostanza ne ha quattro benefici:

  • Certification Benefit: il nuovo socio “certifica” la bontà del progetto su cui decide di apportare capitale di rischio, conscio della possibilità di perdere il proprio investimento ma anche del valore della startup.
  • Network Benefit: oltre alle mere risorse finanziarie, il valore dell’investitore risiede anche nel suo network di potenziali nuovi partner dell’azienda.
  • Knowledge Benefit: il know-how del nuovo socio è potenzialmente la risorsa più importante che la startup avrà a disposizione dopo la chiusura del round. Know-how specifico, se il nuovo socio ha esperienza nello stesso settore di attività dell’azienda o generico, riguardante attività trasversali quali quelle di organizzazione aziendale.
  • Financial Benefit: l’aumento di capitale è guidato principalmente dalla necessità di cassa. L’investimento permette all’azienda di realizzare il proprio piano di sviluppo e avere la disponibilità necessaria a far funzionare l’intera macchina finché questa non è sostenibile.

L’aumento del capitale sociale comporta una riduzione della percentuale di possesso dei soci esistenti (in gergo, diluizione). Questo significa che quando una startup del portfolio di un Club chiude un round, quest’ultimo disporrà di una quota inferiore di proprietà ma un valore superiore, legato alla nuova valutazione (NAV). Il NAV del portfolio è dato dalla somma dei valori delle partecipazioni, aggiornati al round più recente.