L’importanza di pensare globale

Per far carriera come imprenditore e impostare un’attività di successo non è più sufficiente essere innovativi ed essere nativi digitali.
Il nuovo diktat è “Born Global”: la dimensione del garage californiano dentro cui giovani menti sviluppano idee geniali deve essere soppiantato da una visione più internazionale e dislocata geograficamente.

L’approfondimento nell’articolo dell’Harvard Business Review “The Best Entrepreneurs Think Globally, Not Just Digitally” di Michael Schrage.

 

Visita la campagna in corso su SiamoSoci.